PARROCCHIA

La Comunità nella Parrocchia accoglie tutti coloro che sono desiderosi di rinnovarsi nello Spirito Santo e di inserirsi in un cammino fortemente comunitario.

  • Tutti possiamo partecipare, recandoci semplicemente nella Comunità prescelta e mettendoci a lodare il Signore Gesù; poi, se lo desideriamo, parleremo con i Responsabili, al fine di poter essere inseriti nelle varie attività spirituali.

  • Se ne abbiamo bisogno (dopo un po’ che frequentiamo e abbiamo cominciato a comprendere lo spirito della Comunità) possiamo chiedere ai Responsabili di ricevere una preghiera personale, durante la quale si attua quel momento di scambio fraterno e benedizione che l’ “imposizione delle mani”.

  • Al momento opportuno potremo frequentare il Seminario per l’effusione dello Spirito Santo, un percorso di 12 – 15 settimane, che ci porterà a ricevere l’effusione dello Spirito.

  • E quindi, dopo aver ricevuto l’effusione e aver fatto una scelta personale e convinta della vita comunitaria, possiamo essere inseriti in una più piccola Comunità di Crescita, la cui nota dominante è la “revisione di vita”praticata alla luce della parola profetica che ci è donata in preghiera.

  • E, sempre nella Comunità parrocchiale, possiamo ridonare a nostra volta quanto abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere dallo Spirito come dono, per contribuire a edificare il Corpo di Cristo.

AMBIENTE

La Comunità, oltre che nella parrocchia, può sorgere anche in un ambiente di lavoro, di vita, di studio.

Spesso sono persone che vivono o operano in un dato luogo che, desiderando annunciare lì il Vangelo e avendone l’opportunità, introducono i propri familiari, amici, colleghi alla preghiera e alla vita carismatica. Allora comunicano il loro intento al CIS (o ai Delegati Diocesani del luogo) per averne l’assenso e l’aiuto.
Naturalmente questo assenso dovrà essere dato, a seconda delle diverse circostanze, anche da un’eventuale cappellanìa o da un’amministrazione civile competente, affinché non sorgano in seguito conflitti riguardo alla nostra presenza sul luogo.

Quali sono i luoghi maggiormente deputati?

  • La Comunità Ambientale è una benedizione immensa per gli Ospedali, là dove la malattia e il dolore rendono ogni creatura, e la famiglia che le sta dietro,più bisognosa di un annuncio di speranza.

  • Anche la sofferenza legata alla carcerazione è un bisogno al quale il Signore ci manda a dare sollievo; naturalmente qui il discorso si fa più delicato e maggiori sono i permessi da richiedere.

  • Un altro ambiente al quale non possiamo far mancare il dono della preghiera è quello della scuola, particolarmente l’Università, là dove i giovani si preparano a costruire il loro futuro e a prendere un giorno in mano le sorti della Nazione.

Lo svolgimento degli incontri ricalca, fatti i necessari e dovuti aggiustamenti, quello di una Comunità nella parrocchia; sarà dato però uno spazio particolare a brevi e incisivi insegnamenti, rivolti soprattutto a coloro che sono forse lontani dalla Chiesa e dai Sacramenti da anni e che forse non hanno mai sentito qualcuno annunciare loro che Gesù è vivo, che è Dio e che li ama!